Blog: http://econolitica.ilcannocchiale.it

Buon lavoro, Janet



Esprimo tutta la mia soddisfazione per la nomina di Janet Yellen come vicepresidente dellla Federal Reserve, la Banca Centrale Statunitense. Insegnante nell'università tipicamente keynesiana di Berkeley, la moglie del premio Nobel George Akerlof ha seguito in parte il lavoro del marito, interessandosi negli anni '80 ai problemi riguardanti il salario da assegnare ai lavoratori. Mi è capitato di sfogliare i suoi paper, studiando le teorie dove Akerlof non si limitava solo a vedere l'aspetto economico dei salari, ma anche quello sociologico. Avendo studiato solo pochi autori finora, non posso che avere un particolare affetto per lei.

Janet Yellen è stata anche a capo dei consiglieri economici della presidenza Clinton, subito dopo il bravissimo Joseph Stiglitz. Gli rende meno onore aver fatto parte del Board della stessa Fed negli anni '90, l'organismo che è stato addititato come principale causa della crisi attuale e delle politiche economiche scellerate. Anche se la Fed non ha avuto comportamenti eccellenti, durante la presidenza Greenspan degli anni '90, bisogna considerare che questa è stata il più semplice capro espiatorio: lanciare queste accuse ad organismi politici sarebbe stato molto più complicato.

Sono convinto che Janet Yellen, sotto la presidenza progressista di Obama alla Casa Bianca e la titubante presidenza di Bernanke alla Fed, possa essere la persona indicata per questo ruolo. E' un' economista preparata, seria e con molta esperienza alle spalle. Quindi non mi resta che augurarle buon lavoro.
  

Pubblicato il 13/3/2010 alle 23.31 nella rubrica Obameide.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web